Immagine

Sangiovese e jazz a Rocca delle Caminate

evento 9 giugno

Annunci

Cena Itinerante a Faenza, X edizione

Anche noi ci saremo Venerdì 19 maggio 2017 , alla postazione 9 , con Cipria e Nonà per dissetarvi, insieme al Ristorante Chi du Burdel di Imola con un piatto golosissimo . Ci si vede là. cena itinerante 2017

A Brisighella per BorgoIndie

borgoindie 2017

Dove si terrà BorgoIndie?  La conferenza e il mercato saranno ospitati all’interno del complesso della Chiesa dell’Osservanza, a Brisighella.

Sabato 6 maggio Il mercato aprirà alle 16.00 e chiuderà alle 21.00

alle 17.00 si terrà la degustazione dedicata al Saké – vino di riso del Giappone – a cura di Fabio Caltagirone

Alle 20.30 a Cena con Gianluca Gorini e Pier Giorgio Parini

alle 22.00 Dimartino e Cammarata in concerto nei Chiostri del Convento

Domenica 7 maggio Il mercato aprirà alle 12.00 e chiuderà alle 21.00

alle14.30 si terrà la degustazione dedicata ai Metodo Classico Italiano a cura di Francesco Falcone.

La conferenza avrà inizio alle ore 17.00 ,alle 20.30 a Cena con Pier Giorgio Parini e il Postrivoro

Come arrivare Dal centro di Brisighella imboccare la centrale Via Roma, percorrerla tutta immettendosi sulla SP 302 in direzione Fognano, dopo circa 50 m., sulla sinistra, si può scorgere la Chiesa dell’Osservanza.

Brisighella – uno dei borghi più belli d’Italia Brisighella è un borgo antico, che si adagia ai piedi di tre inconfondibili pinnacoli rocciosi su cui poggiano una Rocca del XV secolo, la Torre cosiddetta dell’Orologio ed il Santuario del Monticino. Le origini del borgo risalgono alla fine del Duecento quando Maghinardo Pagani, considerato il più grande condottiero medioevale della Romagna (citato anche da Dante nella Divina Commedia) edificò su uno dei tre colli quella che divenne la torre fortificata più importante della vallata, ai cui piedi si sviluppò il Borgo.

Il convento dell’Osservanza Appena fuori dalle Mura del paese si erge il convento dell’Osservanza, autorizzato da Leone X nel 1518 quale dimora dei frati Minori osservanti.

A Ravaldino il gelo non c’è stato

La settimana scorsa, a causa dell’ondata di freddo, molte aziende agricole hanno subito gravissimi danni alle colture , soprattutto al nord e al centro Italia, Le temperature notturne hanno raggiunto i -3° C e i giovani germogli sono stati “lessati” . Certamente ora le viti butteranno altri germogli ma praticamente nessuno di questi avrà uva e quindi le aziende che hanno subito questi danni vedono compromessa la vendemmia 2017. Alcuni hanno detto che il gelo ha colpito le zone viticole meno vocate ma vi posso assicurare che così non è : infatti sono stati danneggiati vigneti collinari dove sappiamo che i vini sono di grande qualità e quindi questa teoria non ha nessuna ragione. Da noi , per fortuna , questi danni non ci sono stati , le temperature non sono mai scese sotto i +2/3°C e quindi le viti ora sono in pieno sviluppo. Questa volta la sorte ci ha assistito e speriamo anche quest’anno di portare in cantina una grande uva che ci permetta di fare dei grandi vini:  la strada è ancora molto lunga.germogliamento 2017

Pasqua con grandine

Dopo un inizio primavera caldo e senza piogge ecco per Pasqua un deciso cambio con aria più fredda e temporali. Stanotte un fortissimo temporale ha portato con sè anche un po’ di grandine che fortunatamente non ha fatto danni particolari : si vedono alcune foglie strappate,  sui giovani tralci i segni dei chicchi e su qualche grappolino ma tutto molto contenuto e poco significativo. Stanotte la violenza del vento ha fatto pensare il peggio poi invece il tutto si è risolto con 15 mm di acqua. Il viaggio è ancora lungo .IMG_20170417_102941_939

Vinitaly 2017

Domenica 10 aprile 2017 parte il 51° Vinitaly a Verona , per noi sarà il 17° e come l’anno passato sarà possibile assaggiare i nostri vini presso lo stand dell’Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna al Padiglione 1. Abbiamo due anteprime : il Rosato da Sangiovese Cipria 2016 e il Riserva Predappio 2012 Calisto, oltre ovviamente al Nonà, Bartimeo e Ravaldo 2015. Buoni assaggi a tutti !!!cuore-hp

La nuova squadra 2017

Questa è la nuova squadra che a partire da quest’anno permetterà a quelli che lo vorranno , di assaggiare il frutto del nostro lavoro. Ai tre tradizionali rossi Bartimeo, Ravaldo e Calisto, e all’outsider Nonà , abbiamo affiancato un rosato da uve sangiovese : il Cipria. Avendo estirpato la vigna di chardonnay, aveva troppe fallanze e  un sesto d’impianto obsoleto, non produrremo più il Suppergiù, abbiamo pensato che fare un rosato da uve sangiovese sarebbe stata una buona cosa sia per sostituirlo come tipologia, sia per aggiungere qualcosa di originale in un segmento produttivo ancora poco efficacemente esplorato in Romagna .  Foto bottiglie 2017