La purezza del sangiovese

Devo dire che domenica a Bertinoro, nonostante la mancanza dei buoi e la presenza di asini, la tumulazione dei sangiovesi nel sarcofago sopra alla Cà de bè è riuscita bene. ‘E stata interessante anche la Storia di Romagna in 7 capitoli e 26 bottiglie condotta da Giorgio Melandri, belle le storie di fattoria Paradiso( dove tutto è cominciato), di Nicolucci (un ’75 ancora notevolissimo) e di Castelluccio (io volevo rimanere in Toscana). Voglio solo dire agli amici colleghi e agli addetti ai lavori che se fossi in loro lascerei perdere tutti i discorsi sulla purezza che ogni tanto vengono fuori perchè qualche anno fa c’è stato uno che con la scusa della purezza ha fatto un po’ di danni e poi è pure finito male. Non sia mai che facciamo fare al Sangiovese di Romagna la stessa fine.

Annunci

5 risposte a “La purezza del sangiovese

  1. Caro Maestro , una domanda :
    “Ma è vero cha alla tumulazione le bottiglie erano vuote?”
    qua da noi stiamo facendo la stessa cosa però al posto del vino ci mettiamo le mogli sopra i 40 anni…visto il proliferare di giovani donne dell’ est sotto i 25 anni
    Seconda domanda:
    ” puoi essere più chiaro ..non è che Melandri ti ha minacciato di riprendersi il 3 bicchieri che ti avevano dato se non avessi fatto tutto in purezza ,compreso il corno letame e preparato 499- il 500 non mi piace-”
    Detto questo ti saluto caldamente che vado a fare i tagli in cantina ..un po’ di Malbo lì insieme al Merlot …un po’ di Lambro di Sorbara insieme al Malbo e al Salamino , il Sauvignon e iltrebbiano li ho già mischiati..
    Eh si è proprio a me piacciono i vini mono varietali .
    Ti pregherei di rispondere in tempi brevi perchè la purezza del messeggio è basilare.

  2. Il rito è stato puro e paga-no (etimologia lombarda)

  3. Si però Maestro non stai rispondendo ..non è che vuoi fare il duro e PURO??

  4. Se c’erano tutti questi asini, non capisco come mai siano stati selezionati….
    Boh…
    Misteri…

  5. Qusta mattina caro Maestro ho sfogliato un librone veramente puro:
    ad un certo punto c’era il grande Succi …sembrava un fotomodello ,poi venivi tu che il marchese Antinori in fatto di signorilità ti faceva una pippa…..soccia che cartole, direbbero a Bologna!!ecco mi faro questo libro come regalo per Natale ,sperando un giorno di esserci anch’io assieme ai vip…il mio problema sarà il foto shop per correggere le imperfezioni fisiche!
    Buon Natale GP

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...