Archivi del mese: gennaio 2011

Il pericolo è il mio mestiere

Una vittima ogni due giorni per incidenti sui trattori agricoli. E’ quanto emerge dall’ultimo nato fra gli Osservatori del Centauro-Asaps.
Realizzato nel maggio del 2009, in soli otto mesi segnala dati interessanti e preoccupanti: 211 incidenti che causarono 127 vittime e 113 feriti. I numeri del 2010 rilevano una situazione ancor più critica.
Ogni due giorni si muore in un incidente con trattori. In pratica le morti verdi sono ormai più della metà delle morti per incidenti in autostrada (350 vittime nel 2009 secondo Istat). Nell’anno che si è appena concluso sono stati 338 gli incidenti con coinvolti mezzi agricoli, monitorati dall’Osservatorio, che hanno causato 176 decessi e 221 feriti. Sappiamo che 244 dei 338 casi, 72,2%, sono avvenuti nell’area agricola (campi, frutteti, boschi ecc.) e 94 su strada.
Per altro non abbiamo neppure la pretesa di avere monitorato tutti gli episodi avendoli ricavati dalla stampa nazionale e dalle segnalazioni dei 600 referenti Asaps sparsi sul territorio italiano, sicuramente però sono compresi i più gravi. (…) Pur tenendo conto – spiega Giordano Biserni, Presidente Asaps – “che il maggior numero di incidenti in campagna si è verificato nei mesi estivi caratterizzati da una intensa attivita’ agricola, il dato rimane complessivamente molto preoccupante. Lo ripetiamo, i nostri agricoltori già al limite nei margini di guadagno, non possono rischiare la vita in questo modo. Vanno ricercati i motivi di questo assurdo tragico risultato che pesa enormemente sulla nostra agricoltura e vanno anche adottate efficaci misure di protezione per invertire questo assurdo trend”.

By Teatro Naturale n. 3 del 22 gennaio 2011

 

Annunci

Viva la sincerità

Ieri sera in un ristorante la titolare prende le ordinazioni:

Cosa vi porto da bere ?

Acqua gasata, una coca media e visto che il vino lo bevo solo io prenderei un  calice, cos’hai di bianco ?

Di aperto ho il ZWY ma non è un gran chè, se no ho il WXJ ma è il suo base, se vuoi ti apro una bottiglia.

Va bene, cos’hai di romagnolo ?

Ho un Riesling di una piccola azienda dell’alto faentino che fa dei bianchi molto interessanti.

Porta la bottiglia la stappa mi serve il vino e poi mi porge la bottiglia, leggo la retro etichetta e dico:

Ma cos’è un biodinamico?

Sì sì ma sta tranquillo questo non puzza !

Nel 6° Censimento Generale dell’Agricoltura non esiste il Sangiovese ma il Sancinoso sì

Ho terminato oggi di compilare on line i moduli per il 6° censimento generale dell’agricoltura. C’è una pagina in cui bisogna inserire i nomi dei vitigni per la produzione di vini DOC presenti in azienda, quando ho iniziato a scrivere la parola “sangiovese” queste sono le uniche opzioni che il sistema mi ha dato:

  • Sagrantino
  • Sain-Emilion
  • Salzen
  • San Giuseppe Nero
  • San Lunardo
  • San Martino
  • San Michele
  • San Nicolò
  • San Zoveto
  • Sancinoso

Ero molto tentato di scegliere San Zoveto poi alla fine “obtorto collo” ho optato per “uva di colore nero”.