Archivi del mese: giugno 2008

E’ l’estate bellezza !

Il caldo afoso già alle 8 del mattino, la polvere che entra ovunque, la cicala sull’albero davanti alla finestra della Clara, il rumore delle mietitrebbie di notte, l’odore dello zolfo che evapora nella vigna, il vino bianco ghiacciato, i cocomeri, l’odore dei tralci e delle foglie cimate che si seccano al sole, il freddo della cantina e il rumore del frigo che la raffredda, la Clara che dorme fino a tardi, la linea del mare all’alba, l’odore della paglia appena trebbiata e quello dell’erba trinciata nei filari, il fresco della casa e la penombra delle stanze nelle ore più calde, le zanzare tigre di giorno e i pappataci la sera, l’odore delle creme solari e dei doposole, l’acqua frizzante col limone, le ciabatte sempre, la paura delle grandinate, la luce, il desiderio di tuffarsi in acqua e i pomeriggi alla piscina comunale, la macedonia di pesche, l’odore della terra bagnata dopo un temporale, i ghiaccioli e il gelato…

Continua a leggere

Annunci

Cinema divino

Una bella iniziativa a cui non partecipo come cantina ma che voglio segnalare è questa di ” Cinema divino, i grandi film si gustano in cantina”. Si terrà per tutta l’estate in tutta la Romagna: i film saranno proiettati all’aperto, alle 19,30 si apriranno le cantine, alle 20,30 ci sarà una visita ai locali di lavorazione e alle 21,30 è fissato l’inizio delle proiezioni. Per 8 euro quindi film e calice di vino in degustazione. Stasera “Into the wild” alla cantina Campo del Sole a Bertinoro.

Buona visione !

La canzone della terra

…al ritorno dalla campagna, prima cosa voglio trovare

 il piatto pronto da mangiare e il bicchiere dove bere…

al ritorno dalla campagna, seconda cosa voglio parlare

di tutte le cose che ho da dire e qualcuno deve ascoltare…

terza cosa quando ho finito presto a letto voglio andare,

subito a letto voglio andare !

…al risveglio alla mattina quando il gallo mi apre gli occhi

alle quattro di mattina prima cosa polenta a fette e nell’aria

voglio sentire il profumo del caffelatte.

…Seconda cosa acqua e sapone fatto tutto molto presto

colazione dentro al cesto !  E poi la vanga la terra e il sole

l’ombra di un pino è quel che ci vuole.

L’ombra di un pino è quel che ci vuole

e il desiderio che sale al ritorno

dopo che ancora rimuore il giorno

dopo che ancora rimuore il giorno.

( La canzone della terra di Mogol-Battisti, 1973 BMG Ricordi S.p.a.)

Calendario dei trattamenti

Avevo fatto il I° trattamento il 1° maggio, probabilmente un po’ in anticipo rispetto ad un eventuale sviluppo della peronospora, il II° trattamento il 23 maggio, sicuramente troppo distaccato rispetto al precedente e adesso il III° l’ho fatto fra l’8 e l’11 giugno in condizioni veramente estreme, nel senso che in collina dove ci sono pendenze anche importanti e terreni argillosi andare in vigna con trattore e atomizzatore poco dopo una pioggia vuol dire rischiare come minimo di rimanere bloccati perché si slitta come sul ghiaccio e se ti va male di spaccare cardano, pompa, fili, tiranti, pali e viti e ti va bene se non ti fai male. Il fatto è che l’avevo programmato per il 4 giugno, dopo l’imbottigliamento del I° lotto di Ravaldo 2007, ma poi è iniziato questo tempo molto inglese per cui praticamente sono stato costretto a farlo, con tutti i rischi del caso, nelle condizioni peggiori, soprattutto perché aspettare ancora significava esporsi troppo a infezioni oidiche e peronosporiche. Un po’ di oidio comunque l’ho già visto, spero di essere riuscito a stopparlo e in ogni caso non bisognerà aspettare troppo per il IV° trattamento anche perché le previsioni mettono ancora acqua…