Archivi del mese: settembre 2007

Claudio e l’ingegnere

L’altro giorno, mentre facevo manovra davanti a casa, il trattore si è bloccato e non si è più mosso. Viene il meccanico guarda e mi dice che si è rotto il levismo della frizione. Bene penso, niente di male lo aggiustiamo e si riparte, una rottura può sempre succedere. Intanto il meccanico che si chiama Claudio, comincia a guardare, a smuovere, a smanettare e inizia a snocciolare una serie di bestemmie che incendiavano l’aria, in pratica il rapporto era una parola e due bestemmie. La cosa naturalmente è proseguita con alti e bassi per tutte le quattro ore necessarie alla riparazione. La causa di tutto questo smoccolare era che il pezzo rotto è in una posizione “quasi” inaccessibile agli umani, “quasi” nel senso che comunque se bestemmi molto alla fine ce la fai. Quello che mi piace dei meccanici è che non si arrendono mai, insomma se l’hanno montato si deve anche poter smontare e riparare. Quello che non mi piace degli ingegneri progettisti meccanici è che pensano e fanno le cose senza considerare che quando si rompono ( e prima o poi succede), Claudio, il meccanico, ci deve mettere le sue preziose mani e da qualche parte devono pure passare.

Annunci

The last grape

Finalmente anche l’ultimo grappolo di cabernet sauvignon è stato pigiato e abbiamo concluso la vendemmia. Avevamo iniziato alla fine di agosto col sangiovese della vigna vecchia che si è poi rivelato il migliore in assoluto. Al momento abbiamo ancora due vasche in fermentazione alcolica più una che avendo delle belle bucce meritevoli di stare in ammollo abbiamo colmato con dell’altro vino, vedremo se il risultato sarà quello che ci aspettiamo. Alcuni vini hanno già fatto la fermentazione malolattica e li abbiamo solfitati in attesa del travaso che li tolga dalle fecce più pesanti e pericolose. Come quintali di uva prodotta siamo in media con l’annata precedente mentre alcuni nostri colleghi lamentano cali fino al 50% soprattutto nelle zone di Bertinoro e Cesena. In cantina adesso, terminate le ultime fermentazioni, viene il tempo dei travasi e degli assemblaggi che daranno poi vita ai nuovi vini, possono sembrare operazioni banali e di routine ma non è così, un travaso fatto al momento sbagliato può compromettere una bella partita di vino, quindi stiamo attenti e concentrati e visto che l’enologia non è una scienza esatta che Dio ce la mandi buona !

P. I.V.A. 01413330406

Visto che siamo obbligati a scriverla scriviamola: 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406, 01413330406,…………..

Vendemmia in corso… e Paola grazie lo stesso

Solo da poco siamo riusciti a ripristinare la nostra già molto precaria connessione internet dopo che, qualche giorno fa, un simpatico fulmine ha scelto come strada la nostra linea telefonica e ci ha grigliato fax e computer. La vendemmia sta andando bene, non ci siamo sbagliati quando abbiamo deciso di iniziare, e abbiamo raccolto già più della metà dell’uva, adesso stiamo solo aspettando di liberare qualche vasca per vendemmiare il resto. Alcune partite sono veramente ottime e quindi predestinate a finire nel Calisto, altre non così ma di buona qualità perfette per il Ravaldo e per il Bartimeo, che quest’anno probabilmente uscirà come DOC. Come al solito si fa sempre molta fatica a trovare gente per vendemmiare, soprattutto perchè non ci mettiamo tre settimane e poi perchè non lo facciamo in modo continuativo, e comunque ci è capitato di non poter assumere una persona, impiegata pubblica con contratto subordinato, che avrebbe chiesto le ferie per fare quest’esperienza, perchè in agricoltura posso assumere solo con contratto subordinato e quindi incompatibile con il precedente. In pratica se la assumevo poteva essere licenziata. Paola grazie lo stesso.