Iniziamo coi trucioli

Arieggiamento, trattamenti termici, centrifugazione e filtrazione, utilizzo di anidride carbonica, utilizzo di lieviti per vinificazione, aggiunte di fosfato bibasico o di solfato di ammonio, aggiunta di solfito di ammonio, aggiunta di dicloridrato di tiamina, utilizzo di anidride solforosa (in varie forme), chiarificazione con colla di pesce, caseina o caseinato di potassio, ovoalbumina e/o lattalbumina, bentonite, diossido di silicio, tannino, enzimi pectolitici, preparato di betaglucanasi, utilizzo di acido sorbico, acido tartarico, tartrato neutro di potassio, bicarbonato di potassio, carbonato di calcio, tartrato di calcio, preparati di scorze di lieviti, polivinilpolipirrolidone, batteri lattici, aggiunta di lisozima, acido citrico, acido L-ascorbico, tannino, utilizzo di gomma arabica.

Per chi non lo sapesse  queste sono solo alcune delle pratiche e dei trattamenti enologici autorizzati dalla Comunità Europea.

Detto ciò, siamo sicuri che i trucioli di cui tanto si è discusso siano il Problema?

Dall’editoriale di Alessandro Masnaghetti sul n°8 di Enogea.

Annunci

12 risposte a “Iniziamo coi trucioli

  1. Nessuno dei trattamenti elencati serve a buggerare il consumatore, scimmiottando le sensazioni di legno da barrique. Affiancare pratiche come le chiarifiche ai chips, poi, mi pare buffo assai.
    A prop, e tu, li usi?

  2. Non si può fare battaglia a tutto, soprattutto non a tutto insieme. La blogosfera del vino ha semplicemente iniziato su questo terreno e l’iniziativa “Chipsfree” una volta online si occuperà di autocertificazioni in senso ampio, non solo relative ai chips. Come dice bene Fiorenzo, il chips è un inganno, per lo meno fino a che non è scritto BELLO CHIARO in etichetta.

  3. Mi sembra che abbiate una visione un po’ truciolocentrica, forse nel settore ci sono problemi un po’ più pressanti, tipo i consorzi di controllo sulle DOC, la burocrazia sempre più pesante, i balzelli che paghiamo per controlli inutili, un difficile accesso al credito per gli investimenti, la lentezza nei pagamenti da parte di ristoratori ed enotecari, i rapporti con gli agenti, gli strani indirizzi dei piani di sviluppo regionali, etc……….

  4. Porca paletta, sti enotecari sono la feccia dell’umanita’, condivido.

  5. Caro Stefano, esiste un blog dedicato ai produttori di vino da circa 6 mesi. Se vuoi, puoi scriverci sopra gratis, basta che me lo chiedi a blog@tigulliovino.it

    Il blog è questo :
    http://www.tigulliovino.it/blogproduttori/

  6. ciao Stefano, quali di questi “ritrovati” devono essere obbligatoriamente riportati in etichetta?!?

    Complimenti per il sito ed in bocca al lupo per questa tua nuova vetrina.

    Simone

  7. Good site, nice design! Please visit my site too:

  8. Amazing artwork! This is spectacularly done! Please visit my site too:

  9. Hi man! Your site is cool! Please visit my homepage too:

  10. Hmm… sweet! [*../nice_site2.txt*]

  11. You have a great page! Please visit my homepage too:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...